ASSOCIAZIONE ITALIANA FUNGICOLTORI

I FUNGHI IN RUSSIA SE LI FARANNNO

i nuovi effetti dell'embargo


La holding agricola "Vyborgec", è il più grande produttore di ortaggi russo ed intende investire 4 miliardi di rubli nel progetto di investimento per la costruzione una azienda di produzione di funghi. Lo ha riferito il vice capo del governo della regione di Leningrado Sergey Yakhnyuk.L'impianto sorgerà vicino al sito produttivo esistente nel distretto di Vsevolzhsky. Si prevede che l’impianto - produrrà 10 mila tonnellate di funghi ogni anno.

Il progetto prevede anche la creazione di una platea per la produzione di composto di oltre 300 mila tonnellate l'anno. Il completamento della prima tappa (5 mila tonnellate di produzione) è previsto per il 2018, il secondo - 2019.

Secondo i dati delle autorità regionali, Vyborgec intende raggiungere la capacità proiettata e occupare la metà del mercato dei funghi del paese. Attualmente 14.000 tonnellate di champignons e 200 tonnellate di shiitake sono coltivate nella regione che rappresentano 10% della produzione totale in Russia.

Secondo la "la scuola della fungicoltura", il volume di produzione di champignon è aumentato del 34% (14,20 tonnellate). Il presidente dell'Associazione "Serre russe" Arkadiy Muraviev ha citato la cifra di 7 mila tonnellate negli ultimi anni. Il 90% del consumo di champignon in Russia è di importazione. Come precedentemente indicato dal capo della "Agro-Regione" Igor Chaika, la Russia importa circa 135 mila tonnellate di funghi ogni anno e il consumo è in crescita del 5-7% all'anno.

Non solo, Vyborgec e Agro-Regione, intendono occupare queste quote di importazione e certo numero di investitori ha espresso il loro interesse per questo settore.

"Orix Group" ha avviato un nuovo progetto nella regione di Samara. Il progetto prevede la costruzione di un complesso per la produzione commerciale e la trasformazione di 25 mila tonnellate di champignon e 14.000 tonnellate di Shiitake all'anno. Gli investimenti sono stimati a 2 miliardi di rubli. A Voronezh "Zdorovoye Pitanie" ha lanciato la costruzione di un complesso con una capacità di 36 mila tonnellate e un costo complessivo di 7,2 miliardi di rubli. Un altro progetto in fase di attuazione è stato avviato dal "Gruppo Polonis" (San Pietroburgo). Il progetto comprende la produzione di 10 mila tonnellate di champignons. La società di distribuzione "Magnit" sta investendo 1,8 miliardi di rubli nella coltivazione di 6.400 tonnellate di champignons nella regione di Krasnodar.

IGS Agro ha iniziato la costruzione di un complesso di funghi, di 1,5 miliardi di rubli, in Tatarstan. Inoltre, altre produzioni di funghi saranno avviate nelle regioni di Tula, Ryazan, Pskov e Kursk.
Tuttavia, come affermato da Muraviev, sono stati implementati solo tre progetti, tra i quali "Magnit" nella regione di Krasnodar, una fabbrica nella regione Kursk e un’impianto, costruito dal nipote del presidente del Tatarstan - Niyaz Minnikhanov. Oggi la Russia è rappresentata da due grandi produttori di funghi: la Società nazionale di funghi (25000 tonnellate) nel distretto Kashirsky della regione di Mosca e "Prinevskoye" nella regione di Leningrado (11000 tonnellate). "Il numero di progetti proposti è comunque insufficiente per soddisfare la domanda di funghi in Russia. Ma il problema principale è la mancanza di produzione di compost per la coltivazione di champignon ", ha aggiunto Muraviev.

Agrofirm "Vyborgec" è stato fondato nel 1996 e nel 2015 è diventato un leader dalle produzioni vegetali nella regione di Leningrado – (16 mila tonnellate prdotte). L'azienda gestisce una combinazione di serra nel distretto di Vsevolzhsky, nate nel 1983. L'area delle serre supera i 35 ettari, il 70% dei quali è utilizzato per i cetrioli. Secondo kartoteka.ru, nel 2015 i ricavi di Vyborgec hanno rappresentato 1,79 miliardi di rubli, utile netto - 152 milioni di rubli.




TAG: Russia

« indietro
AREA RISERVATA
RICERCA






ASSOCIAZIONE ITALIANA FUNGICOLTORI | P.IVA IT02115420230 | Condizioni d'uso | Note Legali | Credits