PARTE IL PROGETTO PARTE IL PROGETTO

YESP- Stabilization of Pleurotus

Riunito il comitato del progetto YESP- Stabilization of Pleurotus, presso la sede dell'OPO Veneto per iniziare le sperimentazioni in collegamento con i due poli di ricerca europei di Padova e di Logrogno (Spagna).  Il progetto YESP si pone come obiettivo quello di affrontare e possibilmente risolvere le principali problematiche produttive legate alla ridotta stabilità delle produzioni di funghi appartenenti al genere Pleurotus s.pp che, a differenza di altri funghi coltivati (ad esempio l’agaricus bisporus meglio conosciuto come Champignon), sono caratterizzate da cicli produttivi fortemente legati ed influenzati dai fattori climatici.

 

Tale aspetto incide direttamente sulla capacità produttive dei fungicoltori vocati a tale tipologia produttiva, in quanto la fungicoltura, come qualsiasi produzione orticola, richiede capacità di programmazione e costanza delle produzioni, per esigenze legate alla commercializzazione dei prodotti e per conseguire un idoneo potere contrattuale nei confronti della GDO. Pertanto i produttori di Pleurotus se posti nelle giuste condizioni operative, saranno in grado di trasformare la loro capacità professionale in prodotti di qualità per il consumatore e ciò avrà una ricaduta positiva anche in termini economici. Nel mese di settembre verranno coordinate uan serie di atttività legate alla sperimentazione, e una parte legata alla formazione di produttori di funghi che volessero migliorare le conoscenze sulle coltivazioni, sui metodi di utilizzo delle attrezzature e sulle caratteristiche delle varie produzioni. Verrà anche organizzata una visita si centri ricerca italiano e spagnolo per approfondire le materie oggetto del progetto

 

I risultati specifici del progetto che il Gruppo Operativo YESP intende raggiungere sono:

 


1) identificare ambienti produttivi idonei ad ottimizzare la produzione del Pleurotus s.pp, caratterizzati da maggiori potenzialità nel controllo dei parametri climatici che impattano sulla quantità e sulla qualità delle produzioni;
2) individuare combinazioni efficienti di matrici organiche per la preparazione di substrati di coltivazione per il Pleurotus prevenendo una gestione sostenibile al termine del periodo di impiego;
3) aumento della conservabilità del prodotto finale agendo su innovative tecniche sia di coltivazione che di post-raccolta.