FAQ SULLE COLTIVAZIONI DI FUNGHI FAQ SULLE COLTIVAZIONI DI FUNGHI

Le domande più richieste

Da dove vengono i funghi?

 

Per la maggior parte dei consumatori italiani, la risposta è semplicemente "dal mio supermercato o da fruttivendolo che li acquista al mercato ortofrutticolo ". La risposta non approfondita deriva da fatto che la maggior parte dei funghi venduti nei negozi di alimentari in Italia sono coltivati ​​in aziende agricole italiane. A differenza della maggior parte delle verdure nella sezione prodotti, i funghi provengono da serre italiane ogni giorno dell'anno, anche durante i mesi invernali.

 

Che cos'è un fungo?

 

I funghi sono considerati per legge ortaggi ma in realtà hanno una loro vita ben diversa dalle piante comuni. Esistono migliaia di specie di funghi nel mondo, ma solo alcune sono commestibili. Fate sempre attenzione all'acquisto di funghi selvatici che possono essere velenosi.

 

Quali tipi di funghi vengono coltivati ​​in Italia?

 

Il fungo più popolare in Italia è il fungo bianco chiamato prataiolo o champignon [Agaricus bisporus], seguito dallo Champignon crema. Esiste poi una consolidata produzione di funghi Pleurotus di diverse varietà, come l'Osrteratus, l'erijngi o il corucopiae, che siono disponibili tutto l'anno e nuove varietà come lo Shitake o l'Enoki che stanno guadagnando popolarità.

 

 I funghi vengono coltivati ​​tutto l'anno?

 

Assolutamente si ! I funghi freschi vengono raccolti ogni giorno dell'anno e consegnati freschi ai negozi locali.

 

Quando si comprano i funghi a cosa bisogna fare attenzione?

 

Sui funghi appena raccolti, è possibile vi siano dei piccoli resti di tetta di coltivazione. Quei granelli sono assolutamente innocui. Basta pulirli con un panno umido o una spazzola morbida prima di preparare, cucinare o servire. Guardate i tutorial presenti nel sito.

 

Come vengono raccolti e manipolati i funghi?

 

I funghi vengono raccolti a mano. I raccoglitori operano delicatamente i funghi per evitare lividi e segni. Le raccoglitrici sono addestrate nell'igiene personale nell'ambito di un programma di sicurezza alimentare certificato. I coltivatori di funghi impiegano oltre 20.000 persone con lavori costanti per tutto l'anno.

 

I funghi sono sicuri da mangiare?

 

I coltivatori italiani di funghi sottoscrivono un programma di sicurezza alimentare in azienda basato sui principi HACCP [Hazard Analysis Critical Control Points]. I loro registri di sicurezza sono controllati da un revisore indipendente qualificato e certificati secondo gli standard internazionali, inoltre, hanno una serie di certificazioni per garantire procedure, prodotto e lavorazioni, molto rigide.  Bisogna invece fare molta attenzione ai funghi selvatici che possono essere velenosi.

 

È facile coltivare funghi?

 

Non proprio! È un'arte basata sulla scienza. Molti si sono illusi di poterlo far ein cantina o in siti abbandonati da recuperare, tuttavia è sconsigliato intraprendere spese alte su siti vecchi, perchè oggi la tecnologia e l'impiengo di siti moderni e appsitamente costruiti,  è fattore principale per le rese produttive. La scienza della coltivazione dei funghi è piuttosto nota. L'arte della coltivazione dei funghi sta nella gestione di variabili come il clima, le materie prime e la biosicurezza, invece, deve essere organizzata in ambienti perfettamente funzionali. La gestione degli stessi ha variabili importanti che solo personale epserto può gestire.


Importiamo funghi?

 

Sì. La maggior parte dei funghi freschi nei negozi italiani sono coltivati ​​in Italia. Tuttavia è possibile trovare prodotti provenienti dalla Polonia o dalla Cina.

 

Cos'è il micelio dei funghi?

 

Il micelio corrisponde dal seme delle pinate...è il seme dei funghi. È prodotto da aziende specializzate in laboratori sterili. La micelio viene propagato su grano sterile e trasportato in camion refrigerati. Il micelio viene aggiunto al substrato dopo che il substrato è stato pastorizzato e quindi in grado di svilupparsi senza trovare agenti antagonisti.

 

Qual è il ciclo di vita dei funghi?

 

Dal momento in cui il micelio viene aggiunto al substrato, il primo raccolto matura in 30 giorni. Questo è seguito da uno o due altri raccolti dagli stessi letti in crescita, nelle due settimane che seguono. Quindi, i nutrienti nel substrato si esauriscono. Pertanto, ogni ciclo di crescita può richiedere da 7 a 12 settimane a seconda del programma di gestione

 

In che modo i coltivatori di funghi aiutano gli altri agricoltori?

 

Gli allevamenti di funghi offrono un prezioso servizio agli allevatori di bestiame e pollame trasformando i loro sottoprodotti agricoli in un raccolto alimentare sano e un prezioso condizionatore del suolo, noto come substrato di funghi spento [SMS].
 


Cosa c'è di nuovo nella coltivazione dei funghi?

 

I coltivatori di funghi in Italia hanno fatto investimenti sostanziali in nuove tecnologie per aumentare la produttività, migliorare la qualità e la sicurezza alimentare. La maggior parte di produttori di funghi ha riprogettato o costruito nuovi impianti di trasformazione imballaggio e stoccaggio, con refrigerazione, completamente separati dai locali di coltivazione. I coltivatori di funghi continuano a investire non solo nella formazione e documentazione sulla sicurezza alimentare, ma anche nella salute e sicurezza dei lavoratori.

 

I funghi fanno bene?

 

I funghi hanno pochi grassi e carboidrati

I funghi hanno pochi grassi e carboidrati, non hanno colesterolo e sono una buona fonte di vitamine, minerali e antiossidanti, senza additivi. I coltivatori di funghi italiani sono orgogliosi di fornire un cibo FRESCO, SEMPLICE e BUONO.

 

Posso raccogliere i miei funghi selvatici?

 

L'Associazione ha più volte sottolineato ed informato i consumatori sulla differenza tra funghi coltivati e funghi selvatici, perchè spesso accade che vengano confuse le cose. Nelle stagioni di raccolta è tipico che raccoglitori poco esperti, che non portano al controllo micologico il prodotto raccolto, corrano dei potenziali rischi di intossicazione. I funghi commestibili possono apparire simili ai funghi velenosi.

I coltivatori di funghi italiani, da sempre,  offrono una vasta gamma di varietà di funghi per soddisfare tutti i gusti e i funghi coltivati sono sempre sicuri da mangiare.

 

 


Tramite il nostro Cookie Center, l'utente ha la possibilità di selezionare/deselezionare le singole categorie di cookie che sono utilizzate sui siti web. Per ottenere maggiori informazioni sui cookie utilizzati, è comunque possibile visitare la nostra Cookie Policy.